venerdì 21 novembre 2008

laurea gaia

ciao a tutti, finalmente recupero me stessa, giusto in tempo, prima che mi cresca la barba e cominci a spargere polvere di gesso su tutti voi per rendervi bianche forme pure...(chi conosce il tema della mia tesi capisce)
finalmente ho un briciolo di tempo per annunciarvi il giorno della mia laurea: sarà lunedi 24 novembre, in FdP (statale), nelle aule al piano terra, proseguendo sempre dritto oltre l'aula magna, per intenderci...si inizia alle 9.30, ma io sono la settima, quindi verso le ore 12 più o meno sarà il mio turno. chi passasse da quelle parti e abbia voglia di fare un salto, mi renderà felice ovviamente, e potrebbe anche farsi due risate, dal momento che mi sentirà parlare di....un gigantesco fallo di bronzo dorato...(che poi in realtà è una principessa)
ma capisco bene che è lunedi e che siete indaffarati, e che io come al solito mi riduco sempre all'ultimo per avvisare tutti...in ogni caso, pensavo di rimandare i festeggiamenti beverecci al venerdi successivo, cosi aspettiamo diego che è fuori per lavoro.
utilizzo meltingminds per i miei proci comodi, dal momento che non ho piu un centesimo nel cellulare e non posso avvisarvi uno per uno. spero che il messaggio arrivi. ;)
un bacio singolo sulla fronte di ciascuno di voi

5 commenti:

Ema ha detto...

Un grande abbraccio per il salto finale!! domani parto per Roma e ci sto fino a mercoledì tra convegni e "dolce vita"... prometto di esserci venerdì per festeggiare nel giusto modo...
lunedì ci sarò comunque con il pensiero!
A presto!

Filo ha detto...

anc'io ci sto con il pensiero, perché con il corpo sarò in svizzera!
in bocca al lupo!!!

Federico ha detto...

in bocca al lupo gaia, anche io lì in spirito, con corpo a Londra..
Sarà una laurea parecchio affollata di fantasmi, a quanto pare..
ti abbraccio
F

Anonimo ha detto...

E hai visto?!!!!Pure dalle settime sfere...

gaia ha detto...

grazie, e grazie:
a ema, per il suo dolce pensiero dalla dolce vita,
a filo, per essere andato fino in svizzera a cacciare il lupo in bocca,
a fede, per essere il fantasmino più inaspettato e piacevole,
all'anonimo, perchè è sempre er mejo der colosseo.
vi stringo forte, voi che siete lontani e lontani vicini
g.